Le nuove proposte su affido condiviso e genitorialità.

Il Decreto Pillon

Da diversi mesi ormai si parla delle nuove proposte legislative relative ai temi dell’affido condiviso e della partecipazione genitoriale in caso di separazione, il cosiddetto Decreto Pillon, dal nome del senatore che ha presentato il Disegno di Legge, ad oggi ancora in attesa di approvazione.

L’argomento è tanto importante e complesso quanto delicato, perché ruota intorno al tema fondamentale della centralità del benessere del minore oggetto dell’affidamento e a rischio di subire eventuali conseguenze della separazione dei genitori.

Con l’articolo che segue, scritto qualche mese fa per la pagina di Al Centro Roma, provo a descrivere alcuni passaggi della proposta di legge, che ritengo importanti non solo nel caso in cui ci si trovasse personalmente a dover affrontare una situazione di separazione e di valutazione sull’affidamento dei figli, ma anche in relazione al momento storico e culturale che ci troviamo a vivere, in cui vengono rimessi in discussione alcuni concetti, e altrettanti diritti faticosamente conquistati e ormai acquisiti nel nostro ordinamento legislativo e nella nostra coscienza sociale condivisa.

Ancor più rilevante mi sembra riproporre questo argomento alla luce dell’organizzazione del Congresso mondiale delle famiglie che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo 2019, promosso e sostenuto da alcune frange politiche attualmente al governo, e che vedrà la partecipazione di diversi personaggi pubblici.

Questo evento, così com’è stato presentato, sembra essere un ulteriore passo nella direzione, a mio giudizio al ribasso, già intrapresa con il Disegno di Legge Pillon.

Ritengo sia responsabilità di tutti noi partecipare con il proprio pensiero, la propria coscienza e la propria azione alla discussione ed al confronto su temi così rilevanti e che ci coinvolgono tutti direttamente.

Buona lettura!